Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

abtech

Petizione Popolare per dimezzare i Parlamentari

tu sei qui: NewsPetizione Popolare per dimezzare i Parlamentari

domenica 13 novembre 2011

Petizione Popolare per dimezzare i Parlamentari

Petizione per dimezzare il numero dei Parlamentari ed eliminare il diritto all'indennità pensionistica dopo soli 35 mesi di attività Parlamentare

A: Al Presidente della corte costituzionale Ugo De Siervo e p.c. al presidente della corte dei conti Luigi Giampaolino, e p.c al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Al Presidente della corte costituzionale Ugo De Siervo
E p.c. al Presidente della repubblica Giorgio Napolitano
E p.c. al Presidente della corte dei conti Luigi Giampaolino,

Per i poteri conferiti al popolo dall’art. 1 della costituzione ( Sovranità assoluta), esercitandoli nelle forme e nei limiti previsti, i cittadini firmatari della presente petizione chiedono :
- nel rispetto dei diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, che la Repubblica Italiana riconosce e garantisce nell’art 2 della Costituzione
- in ottemperanza di quanto previsto dall’arti. 3 della Costituzione che stabilisce compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impedendo il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese
un immediato provvedimento volto a dimezzare il numero di Parlamentari e l’immediata eliminazione del diritto all’indennità pensionistica dopo soli 35 mesi di attività parlamentare.
La Repubblica Italiana ha il dovere di garantire una condizione economica adeguata a far fronte alle comuni necessità dei cittadini e di restituire il diritto al lavoro riconosciuto nell’Art. 4 della costituzione nel quale la Repubblica si è impegnata a promuovere le condizioni che rendono effettivo questo diritto.
I Cittadini sottoscrittori della presente petizione, in assenza di un esito veloce e positivo e di tutti gli interventi atti a garantire un graduale ed efficace abbattimento del debito pubblico, non esiteranno a fare ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’uomo.

Firma on line direttamente www.petizionepubblica.it